Tale concetto innovativo (normativo), rappresenta uno dei primi casi, ove la norma impianti (CEI), si spinge oltre agli aspetti di sicurezza, preoccupandosi di definire dei livelli di funzionalità e di confort degli impianti, i quali come tali, influiscono anche sui relativi costi d’impianto, a fronte dell’implementazione di funzionalità e tecnologia, al crescere dei livelli; pertanto l’utente finale, deve prestare particolare attenzione, nel valutare possibili offerte e proposte nella realizzazione degli impianti elettrici in ambito civile-residenziale, con riguardo al livello prestazionale desiderato (rispetto ai 3 previsti).

La norma CEI 64-8, prevede in sostanza tre livelli prestazionali, così riassumibili:

Il 1° livello è di fatto quello base, necessario alla conformità dell’impianto alla Norma CEI 64-8, rispondendo all’essenziale, senza ovviamente per questo rinunciare alla sicurezza ed efficienza.
I restanti livelli 2 e 3, non obbligatori, si prefiggono lo scopo di incrementare ulteriormente le prestazioni d’impianto, in termini di funzionalità e fruizione d’utilizzo, nonché di risparmio energetico, attribuendo pregio all’impianto elettrico nel suo complesso.

Il 2° livello, prevede un incremento delle dotazione rispetto al 1°, oltre ad introdurre alcuni servizi ausiliari, quali la presenza del videocitofono, dell’allarme antintrusione e del sistema di controllo carichi, quest’ultimo indispensabile per ridurre i disservizi, evitando l’intervento della protezione dell’Ente fornitore (contatore energia), contribuendo al contenimento dei consumi energetici, ottimizzando l’uso dell’energia elettrica.

Il 3° livello, introduce in impianto la domotica, prevedendo di poter gestire, attraverso la stessa, almeno 4 funzionalità, fra le quali per esempio, l’allarme antintrusione, il controllo carichi, la gestione comando accensioni luci, la presenza di scenari predeterminati, la gestione climatica / controllo temperatura, la possibilità di controllo remoto dell’impianto, il sistema diffusione sonora, l’eventuale presenza di rilevazione allarme incendio, rivelazione gas, sensori antiallagamento, ecc..

In sostanza l’impianto elettrico di 3° livello, rappresenta quanto di più evoluto (a seconda dei contenuti tecnologici possibili e desiderati dal Cliente), si possa installare ad oggi (in ambito civile e non), perseguendo per altro l’ottimizzazione di tutti i precedenti obiettivi, dalla funzionalità, facile fruizione, confort, sicurezza nel senso più ampio del termine, nonché con un concreto approccio verso l'”IoT” ovvero “Internet of Things”, tradotto dall’inglese “l’internet delle cose”.

Condividi questo post